COPYRIGHT

I contenuti presenti sul blog "Creazioni di Mira" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2016 - 2017 Creazioni di Mira by Mira Nikolić. All rights reserved

AFFILIATE LINKS

Blog contiene pubblicità e il link marketing di affiliazione. questo significa che posso ottenere commissione sulle vendite dei prodotti che sono collegati al post sul sito. Se si segue un link e fa un acquisto dal un sito affiliato, avrei una commissione da tale acquisto.

DISCLAIMER

Questo blog non è aggiornato con periodicità fissa e pertanto non rappresenta una testata giornalistica. Non può, perciò, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.

Come smacchiare, lavare e stirare i vestiti di diversi tipi di tessuti

///Come smacchiare, lavare e stirare i vestiti di diversi tipi di tessuti

Come smacchiare, lavare e stirare i vestiti di diversi tipi di tessuti

 

Prolungare la vita dei vestiti, per avere un aspetto come nuovo, è abbastanza impegnativo. Smacchiare prima del lavaggio è obbligatorio con certi tipi delle macchie.

Il tipo di lavaggio dei vestiti dipende dal materiale con quale sono fatte le stoffe utilizzate. Non si lavano nello stesso modo i capi del cotone, la seta, la lana… Comunque è sempre consigliato lavaggio a secco. Oppure lavare a mano in acqua tiepida con detersivi delicati.

Salva

Salva

Salva

Salva

RIMUOVERE LE MACCHIE PRIMA DEL LAVAGGIO

  • La birra

Sciacquare con l’acqua fredda poi applicare la miscela di poche gocce del aceto o il succo di limone in 250 ml dell’acqua.

  • IL caffè, il tè, la cioccolata,

Sulla seta e la lana, applicare la miscela di 1/3 di alcool e 2/3 di acqua fredda.

Sul cotone colorato, applicare la miscela di acqua ed alcool 50/50, poi del succo di limone, risciacquare.

Sui tessuti sintetici , le macchie di tè si lavano con l’acqua e il succo di limone.

  • Il sugo di pomodoro

Preparare la miscela in parti uguali di acqua calda e il glicerina e immergere il tessuto per un’ora; quindi lavare con il detersivo.

  • La frutta e la verdura

Per i tessuti sintetici e artificiali, usare l’acqua o l’aceto bianco diluito.

Per le fibre naturali, usare l’acqua e l’alcool( 50/50) poi l’aceto bianco.

La lana, tamponare con l’aceto bianco.

Le macchie di mirtillo si trattano immergendo la parte macchiata nel latte.

  • Il burro, il grasso, la panna, il latte

Sul cotone usare un solvente come la trielina e sciacquare.

Sul cotone colorato delicato, usare ammoniaca (un cucchiaio da tavola per un litro di acqua).

Sulle fibre sintetiche usare 1/3 di alcool e 2/3 di acqua fredda.

Sulla lana e la seta cospargere la macchia con il talco, lasciarla assorbire e poi spazzolare delicatamente.

  • L’erba

Usare l’alcool puro o diluito con dell’acqua. Lavare poi con detersivo e risciacquare.

  • Il sangue

Tenere nell’acqua fredda per 30 minuti poi lavare con detersivo.

  • Il trucco e rossetto

Lavare con un detersivo liquido.

  • La cera

Togliere la cera con un coltello non affilato. Mettere il capo macchiato tra due strati di carta assorbente e passare sopra con il ferro caldo. Lavare con detersivo.

  • L’inchiostro della penna a sfera

Tamponare con l’alcool puro. Applicare l’acetone se questo non danneggia il tessuto.

  • La ruggine

La seta e il cotone smacchiare con il succo di limone e il sale fino, quindi risciacquare con l’acqua fredda.

La lana si può smacchiare con acqua e ammoniaca.

 

SIMBOLI DI LAVAGGIO E STIRATURA

Ecco alcuni i più usati simboli che troviamo sulle etichette dentro dei nostri vestiti. Significato di alcuni è ovvio mentre altri possono essere incompressibili.

 

simboli di lavaggio

 LAVARE E STIRARE

  • Cotone

Le stoffe di cotone colorate si lavano a meno di 50° perché le alte temperature rovinano i colori.

Il cotone bianco può essere lavato fino a 90°.

Il cotone non conviene asciugare troppo perché dopo è più difficile stirarlo.

I jeans non perdono il colore se, prima del normale lavaggio, si lasciano in 2 cucchiai di sale per ogni litro di acqua fredda per 12 ore.

Il cotone colorato si stira alla media temperatura e il bianco alla temperatura alta.

  • Lino

I tessuti di lino colorati, come il cotone, si lavano a meno di 50° perché le alte temperature rovinano i colori. Per la stessa ragione è sconsigliato uso della candeggina.

Il lino bianco può essere lavato anche a 90 °. Stenderlo all’ombra e non farlo asciugare troppo. Stirare il lino umido solo a rovescio con il ferro molto caldo.

Non utilizzare la candeggina, perché ha un effetto ingiallente.

Il lino colorato si stira alla media temperatura e il bianco alla temperatura alta.

  • Lana

Lavare la lana brevemente nell’acqua fredda o a bassa temperatura con poco detersivo per delicati. Non strofinare ma premere delicatamente con le mani.

Risciacquare bene nell’acqua fredda e non strizzare. I capi di lana asciugare stesi su di un panno asciutto e lontano da fonti del calore.

Si può provare a recuperare una maglia infeltrita in pura lana mettendola per 2 ore in 1 l dell’acqua fredda e 250 ml del latte.

La lana si stira alla bassa temperatura, e con sopra un pano leggero.

  • Seta

Lavare preferibilmente a secco perché la seta è un tessuto estremamente delicato. Se è necessario lavare i capi nell’acqua, lavare a bassa temperatura con il detersivo per i capi delicati.

I capi in seta ingialliti: immergeteli per mezz’ora nell’acqua e il latte e poi procedete col normale lavaggio, facendoli asciugare all’ombra.

La seta si può stirare alle temperature alte.

  • Viscosa

Lavare a mano a bassa temperatura, trattare con delicatezza e non strizzare. In lavatrice sempre a bassa temperatura e senza centrifuga.

Stirare alla media temperatura.

  • Poliestere

Lavare a temperatura fino a 40°C e 50°C se misto. Di solito non necessita di stiratura.

Assorbe pochissimo l’umidità e lascia poco traspirare.

Non stirare oppure se è necessario farlo alla temperatura bassa.

 

Mi piacerebbe anche sapere tu che ne pensi e cosa puoi o vuoi sugerirmi.

By | 2017-04-06T23:14:11+00:00 11 Mar, 2017|Sartoria|0 Commenti

Scrivi un commento