Un nome

Probabilmente vi domandate perché ho usato il nome Il bottone di cocco? Vi dico subito.

Ho intenzione ad usare i veri bottoni di cocco su qualche modello futuro.

Per quanto riguarda dare il nome a qualcosa è un problema serio. Inventare un nome, ad un’impresa, un negozio, un boutique, un’atelier o qualsiasi lavoro iniziate a fare online, è diventato a dir poco difficile.

Solo un esempio

Provate a dare un nome a un negozio che vende abiti artigianali da donna (una sartoria online). Vi viene un’idea e cominciate ad indagare e cercare su internet. Non ci vuole molto e scoprirete che già esistono registrati minimo cinque con lo stesso nome o simili, e chi sa quanti ci sono con qualche variazione!.

Provate con il vostro nome come prefisso o suffisso , niente da fare!. Pensavo, come il mio nome non è molto frequente qua in Italia, che non ci sarebbero problemi. Invece, indovinate un po’?!, sono occupati tutti quelli che mi sono venuti in mente.

Poi ho cercato anche in inglese, in serbo neanche per scherzo. Altre lingue ho scartato sopratutto perché non le conosco, intanto tutti danno i nomi inglesi, italiano o italianizzati.

Mi sono imbattuta in qualche sito che offrono di inventarti il nome per l’impresa (the blog name generator) . Leggendo IFB mi ha fatto pure ridere. L’amministratrice è molto inventiva e divertente. Tutto quello che lei mette a disposizione è subito reclamato. Neanche Usain Bolt arriverebbe in tempo ad acchiapparne uno!.

 

Salva

Salva

ilbottonedicocco-il-logoQuindi dopo tanto pensare e cercare di un colpo mi è venuta quest’idea “Il bottone di cocco”.

Avevo deciso di procurarmi questi bottoni perché sono prodotti con fibre naturali (il legno è la fibra direi) . E come sto cercando di fare, maggiormente, l’abbigliamento con tessuti naturali (lino, seta, lana, cotone) mi sembrava una cosa sensata mettere anche bottoni naturali 🙂 .

Salva

 

Mi piacerebbe anche sapere tu che ne pensi e cosa puoi o vuoi sugerirmi.